Strategia ASMR

Ultimamente mi sorprendo ad appassionarmi con facilità a cose apparentemente sconnesse tra loro e questo a volte mi spaventa perché mi sembra di non avere una direzione chiara da seguire.

Qualche anno fa ho scoperto i video ASMR, tanto in voga oggi su YouTube, che si distinguono per la presenza di suoni e movimenti che spesso inducono un forte rilassamento in chi li ascolta ed osserva.

Vederli mi ha portato inconsciamente a concentrarmi di più sui suoni e sulle sensazioni che incontro nella mia quotidianità: il fruscio dei vestiti quando mi muovo, l’effetto ventosa delle dita sul viso o il raschiare lieve di un pennarello su un cartone.

Questo mi permette di essere più focalizzata su quello che sto facendo, di essere presente a quella azione con tutta me stessa.

Ecco che questa passione un po’ astrusa per l’ASMR si trasforma di colpo in un’altra strategia da applicare per essere più consapevole (o mindful come si usa dire adesso).



Hai mai provato a concentrarti sul suono della tastiera mentre stai scrivendo, sul sibilo ovattato di una penna su un foglio, sul gorgoglio leggero dell’acqua mentre viene versata in un bicchiere?

Tutto il resto scompare … anche il rumore dei pensieri invadenti.

View this post on Instagram

Ultimamente mi sorprendo ad appassionarmi con facilità a cose apparentemente sconnesse tra loro e questo a volte mi spaventa perché mi sembra di non avere una direzione chiara da seguire. Qualche anno fa ho scoperto i video ASMR, tanto in voga oggi su YouTube, che si distinguono per la presenza di suoni e movimenti che spesso inducono un forte rilassamento in chi li ascolta e osserva. Vederli mi ha portato inconsciamente a concentrarmi di più sui suoni e sulle sensazioni che incontro nella mia quotidianità: il fruscio dei vestiti quando mi muovo, l’effetto ventosa delle dita sul viso o il raschiare lieve di un pennarello su un cartone. Questo mi permette di essere più focalizzata su quello che sto facendo, di essere presente a quella azione con tutta me stessa. Ecco che questa passione un po’ astrusa per l’ASMR si trasforma di colpo in un’altra strategia da applicare per essere più consapevole (o mindful come si usa dire adesso). . . . Hai mai provato a concentrarti sul suono della tastiera mentre stai scrivendo, sul sibilo ovattato di una penna su un foglio, sul gorgoglio leggero dell’acqua mentre viene versata in un bicchiere? Tutto il resto scompare … anche il rumore dei pensieri invadenti. #ASMR #mindful #mindfulness #consapevolezza #handlettering #suoni #scrittura #pennarello #visualtrigger #buongiorno #cominciarebenelagiornata #ispirazione #ispiration #condividerecosebelle #scrivere #pensieri #riflessioni #postdelgiorno #blog #diario #simonadeguglielmo

A post shared by Simona De Guglielmo (@simonadeguglielmo) on

Lista dei pro e dei contro

Oggi ad una mia amica si è presentata una possibilità a livello lavorativo che potrebbe cambiare di molto la sua vita.

Indecisa se prendere o meno il modulo da compilare per fare la domanda, era combattuta tra la paura di ferire qualcuno e la forte tentazione di non provare nemmeno a proporsi.

Abbiamo chiacchierato a lungo sui vari aspetti da considerare e i dubbi.

Parlando mi sono ricordata di quando mi è stato consigliato di fare una lista dei pro e dei contro per valutare bene una situazione.

Spesso intratteniamo per ore gli altri e soprattutto noi stessi ripetendoci sempre le stesse cose riguardo le scelte da fare, ma quanto tempo impieghiamo a scrivere i rischi e i vantaggi che quella scelta ci procura o potrebbe procurarci?

Apparentemente quello di fare una lista dei pro e dei contro può sembrare un consiglio banale.

Avere questo elenco scritto però ci permette di valutare subito quale parte predomina, ci consente di aggiungere o depennare degli elementi e di valutarli a freddo anche in momenti diversi.

Una volta creata la lista infatti bisogna chiedersi: questo motivo è reale? è davvero così importante per me? È una mia osservazione o è quello che si dice di solito su questa cosa? È la mia opinione o quella di chi ho accanto?

Questo metodo funziona per tanti tipi di scelte dal lavoro alle relazioni, aiuta a fare chiarezza e spesso inaspettatamente ci fa tornare sui nostri passi.