Strategia ASMR

Ultimamente mi sorprendo ad appassionarmi con facilità a cose apparentemente sconnesse tra loro e questo a volte mi spaventa perché mi sembra di non avere una direzione chiara da seguire.

Qualche anno fa ho scoperto i video ASMR, tanto in voga oggi su YouTube, che si distinguono per la presenza di suoni e movimenti che spesso inducono un forte rilassamento in chi li ascolta ed osserva.

Vederli mi ha portato inconsciamente a concentrarmi di più sui suoni e sulle sensazioni che incontro nella mia quotidianità: il fruscio dei vestiti quando mi muovo, l’effetto ventosa delle dita sul viso o il raschiare lieve di un pennarello su un cartone.

Questo mi permette di essere più focalizzata su quello che sto facendo, di essere presente a quella azione con tutta me stessa.

Ecco che questa passione un po’ astrusa per l’ASMR si trasforma di colpo in un’altra strategia da applicare per essere più consapevole (o mindful come si usa dire adesso).



Hai mai provato a concentrarti sul suono della tastiera mentre stai scrivendo, sul sibilo ovattato di una penna su un foglio, sul gorgoglio leggero dell’acqua mentre viene versata in un bicchiere?

Tutto il resto scompare … anche il rumore dei pensieri invadenti.

View this post on Instagram

Ultimamente mi sorprendo ad appassionarmi con facilità a cose apparentemente sconnesse tra loro e questo a volte mi spaventa perché mi sembra di non avere una direzione chiara da seguire. Qualche anno fa ho scoperto i video ASMR, tanto in voga oggi su YouTube, che si distinguono per la presenza di suoni e movimenti che spesso inducono un forte rilassamento in chi li ascolta e osserva. Vederli mi ha portato inconsciamente a concentrarmi di più sui suoni e sulle sensazioni che incontro nella mia quotidianità: il fruscio dei vestiti quando mi muovo, l’effetto ventosa delle dita sul viso o il raschiare lieve di un pennarello su un cartone. Questo mi permette di essere più focalizzata su quello che sto facendo, di essere presente a quella azione con tutta me stessa. Ecco che questa passione un po’ astrusa per l’ASMR si trasforma di colpo in un’altra strategia da applicare per essere più consapevole (o mindful come si usa dire adesso). . . . Hai mai provato a concentrarti sul suono della tastiera mentre stai scrivendo, sul sibilo ovattato di una penna su un foglio, sul gorgoglio leggero dell’acqua mentre viene versata in un bicchiere? Tutto il resto scompare … anche il rumore dei pensieri invadenti. #ASMR #mindful #mindfulness #consapevolezza #handlettering #suoni #scrittura #pennarello #visualtrigger #buongiorno #cominciarebenelagiornata #ispirazione #ispiration #condividerecosebelle #scrivere #pensieri #riflessioni #postdelgiorno #blog #diario #simonadeguglielmo

A post shared by Simona De Guglielmo (@simonadeguglielmo) on

Concentrati sui suoni

Passeggiare nella natura è da sempre considerata una pratica rigenerante per il corpo e lo spirito.

Quello che mi colpisce oggi è la possibilità di scoprire ad ogni passo tanti suoni differenti.

Negli ultimi anni ho scoperto che concentrarmi sul SUONO che un determinato oggetto o azione produce mi aiuta a focalizzarmi meglio su quello che sto facendo.

Col tempo ho imparato ad escludere i rumori circostanti e questo mi fa sentire presente a me stessa in un modo del tutto nuovo.

Passeggiare da soli in un bosco, sentire le foglie sotto i propri passi e osservare anche il più piccolo dettaglio di un tronco è un modo eccezionale per allenare questa capacità e regala subito preziose sensazioni.