Se le cose non fossero tornate come prima?

Trabocchi sulla spiaggia di Punta Penna, Vasto (CH)

Ci sono posti in cui faccio fatica a tornare perché non so quali ricordi potrò trovarci.

Ero terrorizzata all’idea di camminare di nuovo lungo quella spiaggia.

Il fuoco sembrava aver spazzato via tutti i momenti vissuti ed immaginati lì.

Forse erano più questi a farmi paura.

Se le cose non fossero tornate come prima? se non avessi avuto occasione in futuro di vivere quei sogni?

Gli arbusti e le more con il tempo sarebbero ricresciuti.

Le persone invece … quelle che non c’erano state non ci sarebbero tornate comunque.


Quel silenzio cupo sembrava lacerarmi il cuore un po’ di più ad ogni ondata.

Allo stesso tempo quel monotono lamento sapeva cullarmi tra i pensieri con un fare gentile.

Il vento freddo si scagliava contro le mie guance e fendeva le vesti nel profondo.

Quel gelo sottile, un anestetico dolce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *