Erase and rewind

“Erase and rewind” diceva la canzone dei The Cardigans.

Letteralmente “cancello e torno indietro, riavvolgo il nastro”.

Mi ripeto questa frase in continuazione.

Voglio cancellare le persone, le cose, i pensieri.

Erase and rewind.

Cancello e torno indietro.

Cancello tutto, dimentico, rinnego ogni cosa.

Erase and rewind.

I miei sogni, quelli chiusi a chiave nel cassetto, dimenticati sul fondo.

Erase and rewind.

Come se niente fosse, come se nulla fosse accaduto, riavvolgo il nastro e torno al punto di partenza.



Mi ripeto queste cose quanto niente va come vorrei, quando credo che tutto ciò che faccio non ha un senso, quando mi convinco che ci sono altre urgenze da sistemare.

Mi ripeto queste cose quando ho paura, quando dubito di me, quando viene il momento di stringere i denti e lottare.

Erase and rewind.

Faccio pulizia sì ma di questa noia che mi incolla al pavimento, cancello le brutte parole ma non torno indietro.

Cancello l’insicurezza e metto a posto i pensieri.

Cancello il dispiacere e costruisco altrove le mie fondamenta, dentro di me.

Cancello e vado avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *