Le emozioni arrivano senza chiedere il permesso

Il volto della donna si appoggia sul palmo della mano. Un dito è coperto da un cerotto.

Le emozioni arrivano senza chiedere il permesso.

La felicità può scoppiare in una risata che proprio non riesci a contenere, non importa quanta gente ci sia nel tavolo di fianco al tuo o che impressione potrai fare alla persona seduta accanto a te.

Il rimorso, la nostalgia o il dispiacere possono travolgere il tuo viso con un fiume di mille lacrime che nessun sorriso di circostanza o luogo di lavoro potrà mai trattenere.

I sentimenti possono nascere dalla lettura di uno sguardo a cui forse solo tu hai dato importanza o hai immaginato.

Ma nel momento in cui lo immagini, quello sguardo diventa vivo e si copre di una realtà che è impossibile negare.

E così puoi finire per crederci e continuare a sognare.

Nessun commento da mostrare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *